Suatoni Sandra

Suatoni Sandra

Direttrice del Museo Nazionale degli Strumenti Musicali

Laureata e Specializzata in Storia dell’Arte all’Università di Roma “La Sapienza”, ha successivamente conseguito un Master Europeo da storico dell’architettura presso l’Università degli Studi “Roma Tre”. Attualmente sta redigendo la tesi per la Laurea Magistrale in musicologia e beni musicali all’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.

È nei ruoli tecnico scientifici del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali dal 1999. Presso la Soprintendenza per i BAAAS di Salerno e Avellino ha diretto cantieri di restauro di pitture murali altomedioevali e progetti di censimento di opere e insediamenti rupestri. Successivamente, presso l’Istituto Nazionale per la Grafica (oggi Centrale), ha diretto i servizi educativi elaborando progetti sull’accessibilità al patrimonio, con particolare riguardo alle disabilità sensoriali. Ha poi assunto la direzione della Stamperia dell’Istituto curando mostre di disegno e incisione di architettura, laboratori di incisione e stampa di artisti e architetti, fornendo, su questi temi, contributi ad iniziative internazionali. Grazie a questi progetti ha consentito l’acquisizione di molte opere alle collezioni dell’Istituto e del Maxxi. Con quest’ultimo museo ha più volte collaborato per iniziative di valorizzazione di interesse comune. Dal 5 novembre 2015 è alla direzione del Museo Nazionale degli Strumenti Musicali (nella rete del Polo Museale del Lazio) del quale ha predisposto il nuovo progetto museologico generale, lo statuto giuridico, la carta dei servizi; ha favorito la fruizione delle raccolte di strumenti musicali con specifici progetti di valorizzazione, promuovendone la conoscenza scientifica anche con le risorse della diagnostica e della rilevazione in 3D, con l’obiettivo di costituire un archivio di conoscenze utili tanto alla conservazione che all’utenza degli studiosi e dei costruttori di strumenti. Ha inoltre elaborato programmi e diretto interventi di restauro conservativo e funzionale per strumenti musicali destinati alla fruizione del pubblico, anche nell’ambito di attività concertistiche. Ha curato nuove acquisizione di strumenti alle collezioni del museo ampliandone l’arco cronologico in direzione del Novecento. Attraverso la stipula di convenzioni ha creato rapporti sul territorio con istituzioni di ricerca scientifica (ENEA) Conservatori di musica e Atenei per stages formativi e progetti condivisi di valorizzazione e ricerca. Nel 2018 il museo ha ospitato l’Alternanza Scuola Lavoro in convenzione con il Miur, per 280 giorni di attività. Ha inoltre curato la programmazione musicale dell’evento estivo, Per il Cinema Italiano. Memoria, Presente e Futuro, organizzato a Santa Croce in Gerusalemme dalla Direzione Generale del Cinema e dal Centro Sperimentale di Cinematografia (30 giugno – 20 luglio 2018), inserendosi in nuove sinergie di promozione culturale.